Le Riflessioni di Maria Pia

“Dove vai bel capitano?”. L’amore e la tragedia. Nel mezzo una fanciulla ardita, sensuale, rapita da un amore improvviso, tanto da farle rincorrere il giovane combattente biondo e con gli occhi azzurri. Audacia, sovvertimento dei pregiudizi, senso di libertà (decisione di abbandonare tutto per amore). Nella fuga: le vesti al vento, il batticuore, la paura, …

Le Riflessioni di Maria Pia

Dirò di “Rinascita”, di Classicismo, di Della Casa, di Castiglione, di Accetta e della simulazione e della dissimulazione (onesta). Dirò anche di stare attenti, di guardare negli occhi le persone, di non solo ascoltare, ma di “sentire”. Insegnerò loro a non raccogliere le offese, ma farne una forza, a non fidarsi mai di chi ripete …

Le Riflessioni di Maria Pia

Anche gli scarafaggi hanno un’anima… “Quando Gregor Samsa si svegliò una mattina da sogni inquietanti, si trovò trasformato nel suo letto, in un mostruoso parassita.” Il paradosso sarà la “non-reazione” di Gregor Samsa alla terribile trasformazione, accettata senza orrore, come un evento perfettamente naturale (del resto, quando sogniamo accettiamo la realtà del sogno). Il protagonista …

Le Riflessioni di Maria Pia

Chi decide per gli altri, molto spesso, è troppo indulgente con se stesso. Soprattutto, nella mediocrità. Questa “cosa” del green pass è quanto di più “infantile” si possa proporre al genere umano, abituato da sempre a dividere: i bianchi dai neri, i buoni dai cattivi, i belli dai brutti, i furbi dagli allocchi, i duri …

Le Riflesiioni di Maria Pia

Nelle vene del Tempo. Amore. Quando Carla conobbe Giuseppe, nell’agosto del 1966, aveva 26 anni e lui 78. Camminava curvo ed aveva un bastone nero scrostato dal tempo. Si scrissero, s’innamorarono, viaggiarono. Nell’ultima sua opera: “Dialogo”, lasciò un testamento d’amore: «Con il rendermi conto dell’età, oso indicare che l’amore può non estinguersi che con la …

Le Riflessioni di Maria Pia

Le differenze tra Tolstoj, Dostoevskij e Cechov? Ecco, immaginate i tre grandi scrittori russi in riva al mare, di fronte all’orizzonte. Tolstoj vi descriverà il mare in tutta la sua larghezza, in tutta la sua profondità, in tutta la sua immensità, vi dirà da dove arriva quell’onda e dove va, scriverà di correnti e sabbia, …