Le Riflessioni di Maria Pia

La mia (struggente) lettura domenicale. “Eccoti rinsavito. Nutri solo delle passioni, d’ora in avanti; ma l’amore bisogna saperlo dare a chi lo merita, e soltanto l’ultimo amore di una donna può soddisfare il primo amore di un uomo.” Con queste struggenti parole si chiude la seconda edizione del romanzo breve: “La duchessa di Langeais”, di …

Trevi: “Due vite” e il premio Strega.

Trevi: “Due vite” e il premio Strega. Leggo del premio e mi rattristo. Leggo di “letteratura” e mi rattristo, credo che questa vittoria sia figlia dei tempi. Tempi duri: dove si scrive per parlare di sé, sperando nessuno se ne accorga (dov’è l’universalizzazione e il messaggio all’Umanità?) e dove gli altri notano solo ciò che …

Le Riflessioni di Maria Pia

Le fragilità importanti nascono in famiglia. Madri troppo presenti, troppo assenti, troppo isteriche, troppo buone, troppo cattive, succubi di patologie nascoste, di sensi di frustrazione, di forme di presunzioni che nascondono conflittualità ataviche e represse. Padri distratti, violenti, in competizione con i figli, con velleità assurde: mio figlio deve essere come me. Nella mia carriera …

Le Riflessioni di Maria Pia

“Sei sorpreso? Odo la scossa ed il boato di un tuono le foglie si urtano dolci tra la polvere e il vento. Tocca a Noi costruire il nido, in un’onda di Storia”. (m.p)   I fiori e le panchine, così come le parole, non servono a nulla contro la violenza di genere ed in genere. …

Le Riflessioni di Maria Pia

Gli umani? Bazzecole, minuzie, pinzellacchere, nullagini, quisquilie… l’evoluzione ci ha danneggiati. (poi torno). Sorprende il fatto di sapere che, sul nostro pianeta, esistono organismi così piccoli e con grandi capacità di sopravvivenza in ambienti inospitali. Un esempio di questi sono i tardigradi, conosciuti anche come ′′orsacchiotti d’acqua “. Vengono chiamati così per il loro aspetto …

Le Riflessioni di Maria Pia

Mi piacciono i sorrisi, segno che sto invecchiando. La risata è cieca, indolore, frettolosa e disattenta, arriva improvvisa, mette in subbuglio lo stomaco, la pancia e se ne va… Mi piacciono i sorrisi, invecchiando. Il sorriso è lento, ha pensato prima di rivelarsi, è sornione e ti racconta ciò che ha visto “dentro”. Sorrido ironica, …