La superstizione senza più stereotipi

La superstizione senza più stereotipi di Gian Antonio Stella | 08 settembre 2020 I numeri raccontati giorni fa da Gigi di Fiore nell’inchiesta sul Mattino di Napoli lasciano basiti. A partire dal numero complessivo di italiani che, secondo il Codacons, si rivolgono annualmente a ogni genere di ciarlatani per supplicare un aiuto o togliere il …

La “Lava dei Vergini”

La “Lava dei Vergini”: quando l’acqua invadeva le strade di Napoli Da Domenico Ascione Feb 25, 2018 Napoli è una città sorta su un luogo ostile: alle pendici di un vulcano attivo, su una costa frastagliata e a ridosso di uno spazio collinare con pochi tratti pianeggianti. Eppure i napoletani hanno man mano superato gli ostacoli …

Un po di Ferdinando Russo

UN PO DI FERDINANDO RUSSO  SUONNO… Na varca. P’ ’o viento, vulanno,po luntano se porta ll’Ammore ca tanto m’ha fatto suffrì… ‘O chiammo, suspiro, m’ affanno, e tale è la pena ‘e stu core ca ‘nsuonno me pare ‘e muri! Na stella. Da ’e ragge lucente na luce se parte e m’ arriva e nfronte …

Napoli e l’obelisco di San Domenico

NAPOLI E L’OBELISCO DI SAN DOMENICO di Angelo D’Ambra La guglia di piazza San Domenico Maggiore a Napoli, fu voluta nel 1656 dal popolo napoletano come ex-voto a san Domenico per scongiurare la pestilenza che stava falcidiando la città.   Napoli e l’obelisco di San Domenico  historiaregni ________________________________________ La guglia di piazza San Domenico Maggiore …

Marulli romanzo in lingua napoletana

Marulli e quel romanzo in lingua napoletana Posted by altaterradilavoro on Set 1, 2020 Marulli e quel romanzo in lingua napoletana Dopo quasi 150 anni arriva per la prima volta in libreria «La notte de Piedegrotta» che uscì a puntate sui giornali nel 1873: un raro esempio in cui il dialetto fu trattato con dignità …

D’Annunzio, Napoli e ” ‘a vucchella “

D’Annunzio, Napoli e ” ‘a vucchella “ di Sabino Morano Quando nell’inverno del 1891 Gabriele D’Annunzio arrivò a Napoli, avrebbe dovuto restarci soltanto poche ore, ma, travolto da quello straordinario e vivace ambiente culturale che la Napoli di quegli anni, come altri pochi posti al mondo, poteva offrire, finì per restarci per circa ventiquattro mesi. …